Dal territorio con l'aiuto dei lettori. Aggiornamenti continui
>>>comunicaci la tua notizia<<<
Cultura a Roma

21 giugno 2021
Aspetti segreti del Solstizio d'estate
Oltre all'aspetto astronomico, scopriamone quello esoterico

Alle ore 5.34 minuti di questo 21 giugno 2021, è scattato il solstizio d’estate e ogni qualvolta che si deve affrontare l’argomento del Solstizio (d’inverno o d’estate), si concede sempre troppa importanza alla sua definizione tecnica, ovvero che il solstizio come momento astronomico è “quel momento in cui il Sole, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, tocca il punto più alto (o più basso, in base a quale dei due tipi di solstizio si consideri), rispetto all'orizzonte terrestre”, e poca attenzione ad altri aspetti di esso.

Ricordo inoltre che questo momento era conosciuto da moltissime popolazioni antiche, tant’è che dei c.d. culti solari, troviamo tracce in qualunque parte della Terra; tant’è che oggi una particolare disciplina, la paleoastronomia, ha provato la presenza di vari templi astronomicamente orientati, tra cui: Stonehenge (piana di Salisbury, Inghilterra), Externsteine (foresta di Teutoburgo, Germania), Giza (Egitto), Chaco Canyon (Nuovo Messico), Val Camonica (Italia) e Argimusco (Sicilia, Italia).

Tralasciando, dicevamo, l’aspetto astronomico del solstizio proviamo a pensare al ruolo fondamentale della natura dove troviamo “perfezione” a prescindere dall’esistenza o meno dell’uomo, concetti che trascendono l'uomo e che sarebbero presenti in Natura anche se la nostra specie non esistesse! Solo per fare un esempio: la nostra specie ha attinto a piene mani dai segreti della Natura e infatti costruiamo, ad esempio, strutture e modelli seguendo i canoni della cosiddetta regola aurea. (Tempietto del Bramante e Pantheon a Roma, La Cappella dei Pazzi a Firenze, Castel del Monte in Puglia, Notre Dame a Parigi, ecc…).

Oltre alla natura merita una menzione il concetto, sempre legato alla simbologia e significato del solstizio, di ciclicità: infatti con precisione immutabile, anno dopo anno, si alternano il solstizio d'estate ed il solstizio d'inverno e questo accade fin dalla notte dei tempi. Così come si alternano gli equinozi d’autunno e di primavera. Questa ciclicità una volta scandiva il ritmo con cui l'uomo organizzava la sua vita... oggi questa ciclicità si è andata pian piano perdendo, come si è perso e sfilacciato il rapporto tra uomo e natura.

Per l’uomo contemporaneo gli eventi “Naturali” come l’incedere delle stagioni, le fasi lunari oppure il numero di ore di buio e di luce presenti nella nostra giornata, sono percepiti come “distanti” dal nostro quotidiano, ormai il nostro unico concetto di tempo è quello dettato dalle lancette dell’orologio, o piuttosto dal display di smartphone e computer.

Chiudendo questa breve riflessione possiamo dire che dal punto di vista esoterico il solstizio può collegarsi all’alternarsi del buio e della luce: nel giorno del solstizio d’estate, che è il giorno in cui la luce raggiunge la sua massima irradiazione, tutto questo ci convince che la luce (il positivo, la forza, l’energia) abbia trionfato sulle tenebre, ma questa condizione è solamente momentanea… perché presto le tenebre torneranno ad avanzare, ed il ciclo della natura continuerà all’infinito ad alternarsi tra sole e tenebre, sta probabilmente all’uomo tornare ad avere una sensibilità maggiore su questi temi.


articolo inserito da: Jacopo Nassi
tutte le news>>>








SEGUICI...









.