NEWS
.
Dal territorio con l'aiuto dei lettori
Aggiornamenti continui

>>>comunicaci la tua notizia<<<
Politica a Roma

20 marzo 2020
DL, DM, DPCM … che sta succedendo?
Le armi dello Stato per contrastare il coronavirus

DL, DPCM, DM: questi sono gli strumenti giuridici che lo Stato sta utilizzando per combattere il coronavirus. DL, DPCM, DM significano Decreto legge, Decreto del presidente del Consiglio dei ministri e Decreto ministeriale, e prendono il nome o dalla sua funzione – il primo – o dall’autorità che lo emana – gli altri due. Normalmente le leggi si fanno in Parlamento, ma eccezionalmente – almeno in via teorica – il Governo si può sostituire alle due Camere emanando un DL, atto con forza di legge, e altro che al momento non ci interessa. Infatti tutti i divieti, obblighi, ma anche incentivi, deroghe e misure eccezionali per il coronavirus sono contenute in questi atti normativi. 

Tutto inizia il 31 gennaio – in moltissimi non ce ne siamo resi conto – con la delibera del Consiglio dei ministri che dichiara lo stato di emergenza sanitaria, che concretamente significa: occhio, qualcosa di pericoloso per la salute sta avvenendo. Poi arriva il DL del 23 febbraio – fonte primaria del diritto equiparato alla legge – con le prime misure di contenimento e con l’autorizzazione al presidente del Consiglio ad emanare DPCM – fonte inferiore – per fronteggiare il rischio epidemiologico, però ancora la vita sembra essere quella di sempre, anche se il DPCM elencava i primi Comuni con restrizioni per contenere l’emergenza. Con il DPCM del 25 febbraio si attuano le misure di contenimento del DL di due giorni prima e con il DPCM del 1° marzo si allunga la lista delle zone pericolose con restrizioni, ma ancora al Centro-sud tutto sembra quasi normale, nonostante alcune disposizioni lo riguardino. Il 2 marzo un nuovo DL con misure amministrative e finanziarie e il 4 marzo un altro DPCM con misure per tutta l’Italia, anche se con differenziazioni, e si comincia a percepire ovunque nell’aria che qualcosa starà per succedere. 

La data dell’8 marzo 2020 fa da spartiacque: da qui in poi nulla sarà più lo stesso. Il DPCM ordina il contingentamento delle persone in modo da evitare assembramenti, mentre il giorno dopo – 9 marzo – con un DL si mette mano al Servizio sanitario e con un DPCM si ferma anche il calcio – quindi praticamente da oggi si comincia a riflettere veramente. L’11 marzo, poi, si può riassumere con: “tutti a casa”. Restano aperti i generi alimentari e i servizi ad essi connessi e quelli essenziali, chi può deve lavorare da casa; un provvedimento così restrittivo delle libertà personali sembra non essere mai avvenuto nella storia repubblicana, ma la salute, bene primario costituzionalmente tutelato, viene prima di tutto. Da ultimo, almeno a oggi, il DL del 17 marzo che dispone misure diverse – civili, penali, amministrative, fiscali, lavorative e anche organizzative per gli Enti – che conferma il quadro “tutti a casa”, tuttavia aggiunge per esempio che enti, società o anche associazioni possono effettuare riunioni in video-conferenza con valore legale, anche se non previsto nei loro regolamenti o statuti. In pratica se un Comune, un’associazione o una società ha un’urgenza indifferibile da gestire, può riunirsi in video-conferenza, anche se non sarebbe di norma possibile. Ovviamente vale anche per la “tua” di associazione, quindi potrebbe essere un modo per non sentirti isolato dalla tua vita quotidiana. 



articolo di:
Raffaele Pongelli
tutte le news>>>








SEGUICI...









.